Preactor diventa Simatic IT Preactor

Simatic IT Preactor splashCon l’acquisizione della britannica Preactor da parte del Gruppo Siemens nel giugno 2013 era iniziato il processo di integrazione dei prodotti di schedulazione e pianificazione all’interno della famiglia Simatic. Dal mese di ottobre 2015 il cammino si concreta ulteriormente nella pubblicazione della versione 2015 del noto strumento di schedulazione avanzata con il nome variato in Simatic IT Preactor: distinto nei due ambiti AS (precedentemente noti come P200, P300, P400 e P500) e AP (precedentemente noto come GMPS).

Disponibili ora nelle versioni Standard, Professional e Ultimate, i prodotti Simatic IT Preactor AS rimangono fedeli alla propria tradizione di potenza, flessibilità e facilità di implementazione, arricchendosi di nuove interessanti funzionalità in un ambito di prezzo sempre straordinariamente conveniente.

Thingamy, il workprocessor

Thingamy Ltd.

Thingamy è lo strumento per la gestione delle sequenze di attività, interamente configurabile per accompagnare in maniera estremamente solida e intuitiva, qualunque flusso di operazioni.

Per questo motivo è stato definito un work processor: così come siamo abituati a scrivere i nostro documenti con l’aiuto di un word processor (strumento ben più avanzato dell’amata/odiata macchina da scrivere), allo stesso modo possiamo gestire, accompagnare, controllare con un work processor tutte quelle sequenze di attività (spesso definite flussi) che devono poter scorrere da un utente al successivo, senza venire bloccati, distorti o interrotti.

L’acquisto di un materiale, l’approvazione di un disegno, la comunicazione in un a catena di fornitura, la sostituzione di un componente: tutto ciò viene accompagnato, controllato e soprattutto semplificato da Thingamy.

Thingamy è interamente erogato a partire dal cloud Amazon, ma può essere facilmente installato sul vostro private cloud, se lo desiderate.

Per iniziare a utilizzare Thingamy non avete bisogno di alcun nuovo software: configuriamo i vostri processi, uno dopo l’altro, e via.

Thingamy è talmente innovativo, solido e intuitivo che dovete vederlo in azione.

E per voi che leggete volentieri un po’ di teoria, Sigurd Rinde, l’ideatore di Thingamy, spiega in questo post tutto quello che avreste voluto domandargli.

Una tipica sequenza di attività in

Una tipica sequenza di attività all’interno di Thingamy

La pianificazione della produzione (UniMoRE)

Dal corso di Modelli di Sistemi di Produzione tenuto qualche anno fa presso l’Università di Modena e Reggio Emilia segnalo le dispense di Pianificazione della produzione, liberamente scaricabili e di grande interesse.

La pianificazione della produzione è un processo complesso che coinvolge larga parte dell’azienda (funzioni e risorse) e deve ragionare su previsioni a lungo periodo.
Gli elementi du un piano di produzione sono:

  • MPS (Master Production Schedule)
  • MRP (Material Requirement Planning)
  • Inventory Management
  • Capacity Planning
  • Scheduling
  • Production Control

Data la complessità del problema, i diversi decisori e il lungo orizzonte temporale il processo di pianificazione si realizza normalmente per successive approssimazioni:

  • a . piano a lungo termine molto aggregato
  • b . piani successivi con orizzonti minori e maggior dettaglio

Production Planning : tentativo di pianificazione delle quantità su un orizzonte temporale lungo (6 mesi, un anno). Include dimensionamenti della forza lavoro, delle giacenze di magazzino, della materia prima e altre risorse.
Opera per quantità aggregate (per tipologia o periodo)

Production Scheduling (dispatching): piano di produzione dettagliato che considera individualmente ogni prodotto/ risorsa e definisce esattamente cosa “fanno” nel tempo.
L’orizzonte di pianificazione è limitato (1, 2 settimane, un mese) Nonostante il dettaglio il piano viene modificato nella pratica a causa di: necessità o urgenze impreviste, rottura di macchine, utensili, pezzi, aleatorietà dei dati.

In due pagine mi sembra venire riassunto perfettamente il punto di partenza da cui dovrebbe procedere ogni riflessione in stabilimento.

Looking for process improvement? Follow the useless paper trail

From Column 2 – BPM, Enterprise 2.0 and technology trends in business

I’m often called upon by clients to help them find areas for process improvement in their organizations, and I typically start by digging out two types of artifacts in their existing processes: spreadsheets, and “useless” paper documents. I’ve covered the topic of using spreadsheets and email as a stopgap in business processes in the past, but today I was struck by all of the useless paper that organizations deal with on a daily basis.

PRISM avvantaggia i fornitori non-US di servizi cloud

Se vi siete trovati in riunione con un cliente che a causa dello “scandalo” PRISM / Snowden è improvvisamente molto, ma molto perplesso riguardo la migrazione dei propri sistemi (leggi “dati”) verso il cloud di un fornitore statunitense, Vi invito a leggere questo articolo:

PRISM as windfall for non-U.S. cloud providers

Le soluzioni di private clouding rischiano di riscuotere un successo molto maggiore.

Preactor Express è ora disponibile in italiano!

In collaborazione con la Preactor International Ltd. abbiamo curato la traduzione in lingua italiana della versione gratuita dello schedulatore, Preactor Express.

A partire dallo scorso giugno tale versione è liberamente scaricabile dall’indirizzo: http://www.preactor.com/Express/Default.aspx.

Naturalmente siamo a disposizione di tutti coloro che desiderassero una installazione personalizzata di Preactor Express.

Siemens acquisisce il Preactor Group

Schermata 2013-06-04 alle 19.11.49Per tutti i partners e gli utenti dei software di schedulazione sviluppati dal Preactor Group, la notizia di oggi è di quelle che lasciano a bocca aperta: il colosso Siemens ha annunciato la propria acquisizione dell’intero Preactor Group con tutte le sue filiali. Ecco il comunicato stampa ufficiale.

Anche grazie agli otto anni finora spesi utilizzando gli ottimi softwares del Preactor Group sono convinto che l’acquisizione porterà una ventata di ulteriore positiva energia a una serie di soluzioni di grandissimo valore, ma spesso non sufficientemente note al mercato italiano.

Un augurio di cuore a tutti gli amici della Preactor per la nuova avventura!

Tesi dottorale sull’uso della schedulazione nel manufacturing

Compilata da Linea Kjellsdotter Ivert per il conseguimento del Dottorato (PhD) presso la Chalmers University of Technology di Göteborg (Svezia).

In lingua inglese, contiene un riassunto ben aggiornato delle tecniche di utilizzo dell’APS nel mondo dell’industria manifatturiera.

Disponibile al download QUI.

Produzione snella (Lean Manufacturing) e schedulazione

Applicare i principi della produzione snella (lean manufacturing) alla schedulazione non solo è possibile, ma molto importante secondo gli autori di questo breve articolo di provenienza accademica.
Anche se in lingua inglese vi invito a scaricare e leggere con attenzione l’interpretazione che gli autori danno all’esperienza concreta di due aziende che hanno applicato il principi del lean manufacturing proprio alla pianificazione della produzione, con vantaggi importanti sotto il profilo economico.

Applying Lean Principles to Production Scheduling

Mettere ordine tra ERP, Lean, APS e MES

Segnaliamo due lunghi posts apparsi nel 2010 – come sempre in Inglese – pubblicati dai Technology Evaluation Centers e dedicati alla complessa interazione tra i software gestionali (ERP), notoriamente incapaci di pianificare nella realtà le attività della produzione, i principi della Produzione Snella (Lean Manufacturing), gli schedulatori (APS) e i sistemi di gestione della produzione (MES).

Da leggere completamente, anche se piuttosto lunghi, perché la visione presentata non sembra essere sostanzialmente mutata negli ultimi 30 mesi.

La schedulazione con Microsoft Excel™

gears-process-flowL’inizio più probabile di ogni tentativo di schedulazione comincia quasi sempre con un foglio di lavoro gestito tramite Microsoft Excel™ fitto di formule.
A tutti coloro che ancora gestiscono la propria schedulazione in questo modo consiglio di visitare il sito Production Planning and Scheduling by Spreadsheet, ricchissimo di tutorials e indicazioni.
Se proprio non volete provare a utilizzare un vero software di schedulazione a capacità finita, almeno potrete migliorare sensibilmente le vostre conoscenze in materia.

Capacità finita o infinita?

Vi segnaliamo un bell’articolo di Daniele Cattaneo comparso sulla rivista Automazione Oggi: in quattro pagine chiarisce egregiamente la tematica principale di cui ci occupiamo (la pianificazione a capacità finita o schedulazione) e perché – non da ieri – il suo utilizzo è altamente consigliato in aggiunta alle funzionalità MRP dei gestionali più diffusi.

L’articolo è scaricabile DA QUI.

Lo schedulatore gratuito

Preactor Express

Ricordiamo ai nostri clienti che il Preactor Group mette a disposizione una versione Express gratuita del proprio software di pianificazione a capacità finita che è facilmente scaricabile a questo indirizzo.

Tra le molte interessanti funzionalità che permettono di “gustare” in autonomia le funzionalità offerte dai livelli superiori è inoltre presente la possibilità di integrazione con Microsoft Excel.

Più di 500 aziende in tutto il mondo hanno già scaricato Preactor Express, registrandosi sul sito del Preactor Group.